[ Skip menus and services and go directly to content ]

[ Skip at Orizzontal menù ]

On this page are available the following services:
Orizzontal menù [1];
Language [2];
Search engine [3];
Menu navigation[4];
Contents;

[ Back to the top ]

[ Skip at the Language ]

[ Back to the top ]

[ Skip at the Search engine ]

[ Back to the top ]

Concessione utilizzo acque sotterranee

Acque - Concessione utilizzo acque sotterranee

Argument:

  • Agricoltura |
  • Ambiente |

Cos'è

L'utilizzo di acque sotterranee può essere effettuato da chi è già titolare di autorizzazione di ricerca idrica per uso irriguo, industriale, acquedottistico, pescicoltura, impianti sportivi, verde pubblico, servizi igienici, antincendio, autolavaggio o altro da specificare.

Alla domanda dovranno essere allegate:

1)      n. 1 marca da bollo da € 16,00 per il provvedimento di concessione;

2)      n. 3 copie dell’autorizzazione alla ricerca;

3)      Analisi chimiche, fisiche e batteriologiche (Residuo Fisso, Conducibilità, Temperatura, pH Coliformi totali e Coliformi fecali;

4)      per le zone costiere entro i 500 metri dalla battigia si richiede inoltre l’analisi chimica dei seguenti parametri Cl -, HCO3 -, SO4 - -, CA ++, Mg ++, K +, Na +;

5)      prova di portata e piezometrica relativa;· prova di portata e piezometrica relativa con tutti i dati delle prove opportunamente tabellati ed in particolare:

- tipo, potenza e profondità di installazione della pompa;

- misurazione dei livelli statico e dinamico, nonché  dell’abbassamento residuo del pozzo ed, eventualmente, di quelli vicini;

- determinazione della portata critica e di esercizio, con calcoli e diagrammi;

6)      n. 3 copie della Relazione Tecnica del direttore lavori nella quale dovranno essere descritte in modo particolareggiato, anche con allegati grafici e simulazioni fotografiche, le opere di presa e le apparecchiature da installare che dovranno comprendere idoneo gruppo di controllo della portata (valvola limitatrice o altro). Dovranno essere illustrate le modalità di impiego dell’acqua e dovrà essere indicato l’eventuale punto di rilascio e, in caso di ricircolo, le esatte modalità dello stesso;

7)     n. 3 copie Relazione idrogeologica redatta da un tecnico abilitato, nella quale oltre a commentare le prove e le analisi effettuate sotto la sua sorveglianza e a tal fine controfirmate, si formuleranno ipotesi sulla tipologia e andamento dell’acquifero correlandolo con la stratigrafia attraversata;

8)      in caso di uso irriguo, n. 3 copie di una relazione agronomica con indicazione della tipologia della coltura, determinazione della quantità necessaria alla coltura stessa in base alla disponibilità della risorsa idrica (solo per le concessioni ad uso irriguo);

9)      copia su cd-rom o altro supporto elettronico dei seguenti elaborati:

- documentazione integrale presentata;

- documentazione fotografica;

10)   Scheda dati consuntivi;

11)  Attestazione di €______ versamento per canone annuo concessione acque sotterranee (effettuato sul C/C/P  n° 60747748 intestato Regione Autonoma Sardegna Entrate Varie);

12)  attestazione del versamento del deposito cauzionale da versare a garanzia degli obblighi e delle condizioni della concessione;

13)  attestazione del versamento degli oneri e marche da bollo necessari per la pubblicazione obbligatoria dell’avviso sul BURAS;

14)  attestazione del versamento per spese di istruttoria e sopralluoghi di euro 100,00 sul c/c n. 10695070 causale: “Spese di istruttoria gestione risorse idriche”, intestato alla Provincia di Sassari – Settore VIII, Piazza d’Italia 31 – 07100 Sassari;

15)  dichiarazione personale, resa a termine di legge, attestante l’avvenuta installazione di idoneo dispositivo per la misurazione dei volumi di acqua attinta (contatore), così come previsto dalle  norme vigenti con allegata documentazione fotografica;

16)  dichiarazione per l’autorizzazione al trattamento dei dati personali;

17)  copia di un documento di identità del richiedente in corso di validità.

N.B. La domanda deve essere redatta in triplice copia, di cui una in bollo da € 16,00.

Tutti gli elaborati progettuali di cui al comma precedente devono essere firmati da un tecnico in possesso dell’abilitazione all’esercizio della professione adeguata in relazione alla tipologia delle opere da realizzare.

Riferimenti normativi

  • Art.1 della L.36/1994.
  • Art.104 del R.D 1775 del 1933. 

Canoni relativi alle concessioni d'uso e agli attingimenti

 

Uso

Canone

Uso irriguo

Importo per modulo(*) senza restituzione

Importo per modulo(*) con restituzione

Importo a ettaro bocca non tassata

Importo minimo

40,11

20,05

0,36

2,85

Uso potabile

Importo per modulo(*) senza restituzione

Importo minimo

1.709,13

284,85

Uso industriale

Importo per modulo(*) senza restituzione

Importo per modulo(*) con restituzione

Minimo

12.533,62

6.266,81

1.709,13

Produzione forza motrice

Importo per ogni hp

Importo minimo

11,66

.102,55

Ittiogenico

Importo per modulo(*)

Importo minimo

284,85

102,55

Igienico e assimilati (**)

Importo per modulo(*)

Importo minimo

 

854,56

102,55

Irrigazione di attrezzature sportive irrigazione verde pubblico

Importo per modulo(*)

Importo minimo

 

284,85

102,55

(*) 1 modulo = 100 l/s

(**) per igienico ed assimilati si intende:

L'utilizzo dell'acqua per servizi igienici e servizi antincendio, per impianti di auto lavaggio, per lavaggio strade, per uso zootecnico, per il lavaggio delle sale mungitura e usi vari non previsti nelle altre voci.

 

 

 

Per una consultazione completa si rinvia al Regolamento per le concessioni di beni del demanio idrico attribuiti alla competenza della Provincia di Sassari.

$i18n.getLabel("RIVOLTO_A"):

  • Cittadino |
  • Impresa |

[ Back to the top ]