[ Skip menus and services and go directly to content ]

[ Skip at Orizzontal menù ]

On this page are available the following services:
Orizzontal menù [1];
Language [2];
Search engine [3];
Menu navigation[4];
Contents;

[ Back to the top ]

[ Skip at the Language ]

[ Back to the top ]

[ Skip at the Search engine ]

[ Back to the top ]

Read the News

le risposte di ryanair non soddisfano alessandra giudici «ci abbandonano in favore di cagliari, intervenga la regione» (Friday, September 18, 2009)

Presidente «Ryanair, senza neanche consultarsi con questo territorio, ha deciso di abbandonare Alghero a favore di Cagliari». È l’amaro sfogo a caldo del presidente della Provincia di Sassari, Alessandra Giudici.Di ritorno da Dublino e atterrata solo da pochi minuti al “Riviera del Corallo”, dopo aver incontrato questa mattina i vertici della compagnia low cost irlandese, il presidente non nasconde dietro frasi di circostanza la propria delusione e la propria preoccupazione. «Con questo atteggiamento, con la decisione di assumere qualsiasi iniziativa in maniera unilaterale – spiega Alessandra Giudici – Ryanair si sostituisce di fatto a tutti gli attori istituzionali, politici, sociali, economici e culturali di questo territorio, decidendo per tutti quale debba essere il nostro destino». Che per il presidente potrà essere salvato solo se la società leader dei voli a basso costo verrà ricondotta a più miti consigli «dall’unico soggetto istituzionale chi ne ha la forza e a questo punto deve dimostrarci di averne anche la volontà, ossia la Regione».
Il ragionamento di Ryanair è semplicissimo, «e anche legittimo, in un’ottica aziendale concentrata solo ed esclusivamente sul tornaconto economico», come riconosce la stessa Alessandra Giudici. «Ci hanno detto che Alghero non conviene più rispetto a Cagliari – riferisce – dove quest’anno hanno registrato un vero e proprio boom». Secondo lei – che tra l’altro fa parte del consiglio di amministrazione di Sogeaal e che questa mattina si è presentata nella sede di Dublino assieme al presidente della società che gestisce lo scalo catalano, Carlo Luzzati – «forse sarebbe stato più opportuno comparare i dati più in là e tenere conto che il Capo di Sotto è molto più popolato e può registrare, anche in termini di traffico aereo, numeri diversi dai nostri – rincara Alessandra Giudici – perché è chiaro che l’incremento dei voli dello scalo di Elmas è evidente, dato che lo scorso anno Ryanair non ci andava». Ma a prescindere da questo, «è la Regione, attraverso la definizione di un sistema aeroportuale unico per la Sardegna – conclude Alessandra Giudici – che può salvarci da un simile tentativo di spaccare l’isola a metà e penalizzare pesantemente, ancora una volta, il nord ovest».

[ Back to the top ]