[ Skip menus and services and go directly to content ]

[ Skip at Orizzontal menù ]

On this page are available the following services:
Orizzontal menù [1];
Language [2];
Search engine [3];
Menu navigation[4];
Contents;

[ Back to the top ]

[ Skip at the Language ]

[ Back to the top ]

[ Skip at the Search engine ]

[ Back to the top ]

Read the News

Nel fine settimana la prima edizione del rally del Goceano (Wednesday, November 18, 2009)

strade

È il penultimo appuntamento della stagione automobilistica isolana, è una delle poche gare che si disputa interamente su asfalto e ai nastri di partenza si presenteranno ben 42 equipaggi tra i più forti del circuito nazionale. Tre buoni motivi per dire che sul piano strettamente sportivo la prima edizione del “Rally del Goceano – Trofeo Provincia di Sassari” si presenta come una manifestazione degna di tutta l’attenzione e il rispetto che addetti ai lavori, appassionati e curiosi dedicano di solito ai grandi appuntamenti. Ma il “Rally del Goceano” è molto di più. «Al di là del suo valore sportivo, che non credo possa essere discusso, abbiamo deciso di sostenere questa manifestazione perché crediamo sia un modo positivo e originale per promuovere un territorio di cui si parla più per elencarne i problemi che non per celebrarne le ricchezze naturali, storiche, culturali, identitarie e produttive». Parola del presidente della Provincia di Sassari, Alessandra Giudici, che nel corso della conferenza stampa di questa mattina in sala Angioy, nel palazzo della Provincia, ha così voluto sottolineare «lo sforzo compiuto dall’amministrazione provinciale per colmare il gap tra il Goceano, che per anni è stato considerato a torto come un’area marginale di questa provincia, e altre zone in cui il processo verso lo sviluppo è iniziato con anticipo». Una gara automobilistica come vetrina per il territorio, dunque, «anche in considerazione del fatto che riteniamo che tutta l’area interna del nostro territorio possa avere un futuro all’interno del circuito turistico locale», ha aggiunto il presidente della Provincia.

Sarà per le caratteristiche del territorio, o perché da queste parti la passione per i motori è piuttosto diffusa e sentita, ma di fatto «il Goceano si conferma terra di automobilismo per vocazione, e siamo molto felici di associare il nome della nostra amministrazione a un evento che permette di puntare i riflettori su un territorio che anche attraverso lo sport cerca con grande determinazione un’occasione di crescita sociale e culturale», è la convinzione dell’assessore provinciale dello Sport, Roberto Desini, secondo il quale «noi crediamo molto nel valore dello sport al di là dello sport, perciò siamo fieri che questa manifestazione si chiami anche Trofeo Provincia di Sassari». Una filosofia sposata in pieno anche dal Coni provinciale. «La collaborazione con l’amministrazione provinciale si è fatta più forte proprio a partire da questa comune identità di vedute», ha spiegato oggi il presidente provinciale del comitato olimpico. «Come hanno dimostrato le Giornate provinciali dello Sport o altre manifestazioni dedicate al territorio e alla promozione della pratica sportiva come occasione di crescita per l’individuo e per la collettività – ha aggiunto – lo sport può ricoprire un ruolo fondamentale per una comunità che abbia voglia di migliorare se stessa». Quanto alle opportunità di promozione del territorio che potrebbero derivare dal primo Rally del Goceano, è proprio ciò che si augurano gli amministratori del territorio, rappresentati stamattina dal sindaco di Burgos, Innocenzo Ledda. «Tra atleti, team, addetti ai lavori, appassionati e curiosi, prevediamo la visita di tantissime persone – ha detto il primo cittadino – siamo pronti a dare l’immagine migliore dei nostri centri e della loro grande ospitalità». Sul fatto che si tratti davvero di un evento in grado di far registrare numeri molto interessanti, Mauro Nivola – patron della Mediterranean Team, società organizzatrice del rally – non ha alcun dubbio. «Le strutture ricettive sono al completo e l’entusiasmo degli operatori è molto alto – ha detto in sostanza alla fine della conferenza stampa – segno del fatto che il Goceano merita la nostra attenzione e ricambia con interesse l’organizzazione di una manifestazione importante». Come questa. E non solo per ragioni sportive.

 

[ Back to the top ]