[ Skip menus and services and go directly to content ]

[ Skip at Orizzontal menù ]

On this page are available the following services:
Orizzontal menù [1];
Language [2];
Search engine [3];
Menu navigation[4];
Contents;

[ Back to the top ]

[ Skip at the Language ]

[ Back to the top ]

[ Skip at the Search engine ]

[ Back to the top ]

Read the News

Sardegna incontra Roma, la provincia presente con un testimonial d’eccezione: Flavio Soriga (Tuesday, September 28, 2010)

Sardegna incontra Roma

«Se visiterete queste terre, farete un viaggio». E poi. «Siete in un luogo diverso, dovrete farvene un’idea tutta vostra, la porterete con voi a lungo». E ancora. «Per quanti luoghi vi consiglino ne troverete sempre qualcuno da voi, sarà una sorpresa, un ricordo più forte da portare via alla fine del viaggio». Viaggio in un luogo dove «le giornate durano molto». È la Sardegna Nord Ovest secondo lo scrittore Flavio Soriga. Parole di “Invito al viaggio”, pamphlet con cui in febbraio, alla Bit di Milano, Soriga ha battezzato la nuova campagna di promozione del territorio della Provincia di Sassari. Parole che l’autore, testimonial d’eccezione dell’Stl Sardegna Nord Ovest, ha ripetuto a Roma, nella sede del Gremio dei Sardi, in occasione di “Sardegna incontra Roma”, la “tre giorni” andata in scena nel weekend nella piazza di San Giovanni in Laterano. Col musicista Paolo Damiani, Flavio Soriga ha fatto del suo scritto un concerto, dando vita a un viaggio immaginario nel Nord Ovest Sardegna.
La manifestazione del 24, 25 e 26 settembre è stata realizzata da “Gia Comunicazione”, “Gremio dei Sardi” e “Salpare” per «promuovere la Sardegna, la sua cultura e le sue eccellenze esibendo i prodotti della filiera dell’ospitalità, dall’enogastronomia al sistema ricettivo», hanno detto gli organizzatori all’inaugurazione, nella sede del “Gremio”, alla quale ha partecipato il presidente della Provincia di Sassari, Alessandra Giudici. «Tre giornate dedicate alla Sardegna sono un’opportunità per il nostro mercato turistico, un modo diverso di fare promozione rispetto al modello tipico delle fiere turistiche – ha detto Alessandra Giudici – e costituiscono una possibilità concreta di scambio, confronto, apertura anche sul piano culturale». Per la Provincia di Sassari è stata anche l’occasione per «continuare a coltivare il seme già piantato – ha aggiunto – quando abbiamo deciso di scommettere sugli elementi della nostra identità e della nostra cultura come veicolo di promozione turistica».
Va esattamente in questa direzione la Festa di San Giovanni che si svolge ad Alghero e che, rispolverata già da quest’anno, nei giorni scorsi è stata presentata a Roma come chiaro esempio di quel che s’intende per «promozione dell’identità di un popolo e di un territorio», come l’ha definita proprio Alessandra Giudici. Dal 21 al 24 giugno ad Alghero sono giorni dedicati alla magia, al mistero e all’amicizia, che si suggella proprio il giorno di San Giovanni, saltando per tre volte il fuoco mano nella mano prima di diventare “compari”. Intorno alla celebrazione di questo rito, la festa ad Alghero dura tre giorni: pariglie di cavalli, rito del fuoco, dell’acqua e della divinazione, celebrazioni, visite guidate al centro storico della città, lungo le vie del fuoco. E nel giorno in cui il sole sembra fermarsi, sulla spiaggia di San Giovanni si pone il sigillo all’amicizia con il rapporto di comparatico, promettendosi fedeltà e onestà a vita. Un’esperienza autentica, suggestiva, ancestrale.

[ Back to the top ]