[ Skip menus and services and go directly to content ]

[ Skip at Orizzontal menù ]

On this page are available the following services:
Orizzontal menù [1];
Language [2];
Search engine [3];
Menu navigation[4];
Contents;

[ Back to the top ]

[ Skip at the Language ]

[ Back to the top ]

[ Skip at the Search engine ]

[ Back to the top ]

Read the News

olio combustibile in mare, per il tavolo tecnico «l’emergenza non è finita, non abbassiamo la guardia» (Tuesday, January 25, 2011)

«La fase di emergenza ambientale non è ancora finita, vietato abbassare la guardia». È la parola d’ordine del tavolo permanente di coordinamento, riunito oggi negli uffici del settore Ambiente dell’amministrazione provinciale per continuare ad affrontare l’emergenza ambientale provocata dall’incidente dello scorso 11 gennaio, quando è finito in mare un notevole quantitativo di olio combustibile destinato ai depositi della centrale E.On di Fiume Santo. All’incontro, che si è protratto sino al primo pomeriggio, oltre alla Provincia hanno partecipato i Comuni di Sassari, Porto Torres, Sorso, Castelsardo e Stintino, i tecnici dell’assessorato regionale dell’Ambiente, dell’Arpas e dell’Ispra, il Parco dell’Asinara e la Capitaneria di Porto di Porto Torres.
Nel corso della prima fase dei lavori, le istituzioni hanno condiviso la preoccupazione che «se non si risolve del tutto il problema i danni rischiano di essere molto seri, sia sul piano ambientale che dal punto di vista economico», è la posizione degli amministratori locali, dall’assessore provinciale dell’Ambiente, Paolo Denegri, ai sindaci di Sassari e Castelsardo, Gianfranco Ganau e Matteo Santoni, sino ad arrivare agli assessori competenti in materia di ambiente dei Comuni coinvolti.
In particolare si teme «il colpo tremendo che subirà l’industria turistica se non si procede alla svelta per evitare che la cattiva pubblicità prodotta dall’incidente dirotti altrove i flussi turistici». Lo stesso timore aveva indotto il presidente della Provincia, Alessandra Giudici, a chiedere lo stato di calamità naturale, così da assicurare più uomini, mezzi e risorse alle operazioni in corso lungo tutta l’area litoranea. Sul piano ambientale si aggiunge «la paura che gli interventi per eliminare l’olio combustibile dalle spiagge provochino una rimozione eccessiva di sabbia», come spiegano Provincia e Comuni, che già da anni fanno i conti col problema dell’erosione costiera.
Alla seconda parte dell’incontro odierno ha partecipato anche E.On, e i timori e le preoccupazioni si sono trasformati in richieste precise. L’Ispra, Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, fornirà presto informazioni sull’indagine richiesta dal Ministero dell’Ambiente sui fondali e sull’intero ambiente marino della zona interessata dallo sversamento di dieci giorni fa. La stessa E.On ha garantito tempi brevissimi per i piani di caratterizzazione dell’area coinvolta. Nel frattempo il tavolo di coordinamento permanente, che si riunirà ancora nei prossimi giorni, ha chiesto di essere costantemente aggiornato.

[ Back to the top ]