[ Skip menus and services and go directly to content ]

[ Skip at Orizzontal menù ]

On this page are available the following services:
Orizzontal menù [1];
Language [2];
Search engine [3];
Menu navigation[4];
Contents;

[ Back to the top ]

[ Skip at the Language ]

[ Back to the top ]

[ Skip at the Search engine ]

[ Back to the top ]

Read the News

CONTRATTO D’AREA, PARTITA RIAPERTA: ARRIVANO 3 MILIONI DI EURO, MA PER LA PROVINCIA «È SOLO UN ACCONTO» (Tuesday, June 19, 2012)

Contratto d’Area

Tre milioni di euro da spendere immediatamente per l’Area di crisi di Sassari, Alghero e Porto Torres, in attesa di sapere quanto spetterà al Nord Ovest Sardegna dei 52 milioni di euro che proprio oggi il Ministero dello Sviluppo economico ha annunciato di aver accantonato per far fronte ai ricorsi presentati negli anni da numerose Aree di crisi, compreso quello avanzato dalla Provincia di Sassari come responsabile unico del Contratto d’Area. È il risultato scaturito questa mattina a Roma dal confronto avuto dal direttivo dell’Anpaca, l’Associazione nazionale dei patti territoriali e dei contratti d’area per lo sviluppo locale, con il direttore generale e il vicedirettore generale del Ministero, rispettivamente Carlo Sappino e Gerardo Baione. A riferirlo è il presidente della Provincia di Sassari, Alessandra Giudici, che dell’Anpaca è vicepresidente e ha partecipato all’incontro odierno con l’intenzione di non abbandonare una partita dalla quale potrebbero derivare risorse insperate per il territorio e la sua reindustrializzazione.

I tre milioni ottenuti oggi non sono che un piccolo acconto rispetto alla richiesta avanzata dalla Provincia di Sassari, che negli anni ha proposto diverse rimodulazioni del Contratto d’area, chiedendo dieci volte tanto. Due anni e mezzo fa la svolta negativa: il governo guidato da Silvio Berlusconi aveva deciso di destinare altrove i soldi recuperati dalle rinunce e dalle revoche per investimenti sostenuti attraverso il ricorso al Contratto d’area e altri strumenti di programmazione negoziata. A fronte di quella scelta, la Provincia di Sassari aveva deciso di adire le vie legali, e aspetta ancora di ottenere quel che gli spetta. «La battaglia che abbiamo portato avanti assieme all’Anpaca ci ha permesso di riaprire una partita che sembrava definitivamente persa», commenta a caldo Alessandra Giudici. «Ora attrezziamoci per spendere questi tre milioni di euro nel più breve tempo possibile e nel modo più efficace – aggiunge – ma intanto continuiamo a lavorare per riavere indietro quanto ci spetta».

L’unica condizione posta dal Ministero dello Sviluppo economico è che i soldi in arrivo vengano utilizzati esclusivamente per realizzare infrastrutture materiali e immateriali per favorire nuovi insediamenti industriali. Presto si insedierà una commissione tecnico-politica, di cui il presidente della Provincia ha chiesto di far parte, per individuare gli iter procedurali più rapidi, «così da mettere subito i soldi a disposizione dei vari territori», dice lei stessa. E sarà la stessa commissione tecnica a gestire la fase istruttoria in collaborazione con un apposito ufficio che verrà istituito all’interno del Ministero. «È solo un piccolo passo, ma andiamo avanti – conclude Alessandra Giudici – per chiedere che tutte le risorse congelate vengano destinate di nuovo alle Aree di crisi attraverso la programmazione negoziata».

[ Back to the top ]