[ Skip menus and services and go directly to content ]

[ Skip at Orizzontal menù ]

On this page are available the following services:
Orizzontal menù [1];
Language [2];
Search engine [3];
Menu navigation[4];
Contents;

[ Back to the top ]

[ Skip at the Language ]

[ Back to the top ]

[ Skip at the Search engine ]

[ Back to the top ]

Read the News

Seminario “Metodi e strumenti per acquistare verde” - Sassari 26 Marzo 2013 - ore 10.00 - Palazzo dell'Università di Sassari, sala Milella. (Wednesday, March 20, 2013)

Argument:

  • Ambiente |
Sardegna compra verde

Nell'ambito della campagna La Sardegna Compra Verde continua il ciclo dei 24 seminari sul tema degli acquisti pubblici verdi, con un incontro previsto per il prossimo 26 Marzo a Sassari, dalle 10.00 alle 13.30, presso la sala Milella del palazzo dell’Università degli Studi di Sassari, in piazza Università 21, si terrà il seminario “Metodi e strumenti per acquistare verde” rivolto alle Asl, Università, Scuole, Enti di ricerca, Camere di commercio, Aree protette, parchi e altri enti.

Lo stesso seminario sarà replicato il 27 Marzo a Cagliari, presso la sede della ASL 8 in via Piero della Francesca 1, Su Planu, Selargius.

Con questo appuntamento, l’Assessorato della Difesa dell’Ambiente, tramite il Servizio SAVI, mette a disposizione di ASL, Università, Scuole, Camere di commercio, Aree protette il know how e le competenze degli esperti che gestiscono l’Help Desk regionale per gli acquisti pubblici verdi al fine di trasferire ai responsabili degli acquisti gli strumenti operativi per contribuire ad una domanda verde capace di rispondere alle richieste dell’Unione Europea e del Piano d’Azione Nazionale per il GPP (Decreto Interministeriale n.135 dell’11 Aprile 2008) oltre che del Piano per gli Acquisti Pubblici Ecologici della Regione Sardegna (PAPERS, DGR 37/16 del 30.07.2009).

Il Piano d’Azione Nazionale per il GPP chiede infatti anche ad università, istituti scolastici di ogni ordine e grado, ASL ed aziende ospedaliere, di adottare criteri ambientali nell’acquisto di beni e servizi che ricadono nelle 11 categorie merceologiche individuate come prioritarie. Forniture di carta e cancelleria, computer e stampanti, servizi e prodotti di pulizia, servizi di ristorazione e derrate alimentari, riscaldamento, raffrescamento e manutenzione degli edifici sono tra i beni e servizi che tutti gli enti pubblici sono chiamati a riconvertire. Per il settore sanitario, sono in fase di definizione a livello comunitario anche i criteri ambientali per le attrezzature elettromedicali che saranno poi recepiti a livello nazionale.

Acquistare verde significa scegliere un prodotto o servizio sulla base degli impatti ambientali che questo può avere nel corso del suo ciclo di vita e prendere in considerazione i costi che l’organizzazione deve sopportare non solo al momento dell’acquisto, ma anche in fase di uso e smaltimento di un bene. Si tratta di razionalizzare la spesa pubblica, caratterizzandola con elementi di qualità ed indirizzandola verso beni e servizi innovativi che possono diventare nuove leve di crescita e competitività per le imprese e l’economia regionali.

L’Assessorato regionale della Difesa dell’Ambiente ha fatto un investimento significativo per l’attuazione del PAPERS (circa 3 milioni di euro) con azioni di supporto capillari su tutto il territorio e l’attivazione di Ecosportelli GPP provinciali. L’attività fornisce gli strumenti conoscitivi e l’accompagnamento necessari per riconvertire gli acquisti in senso ambientale e favorisce la creazione di sinergie fondamentali con tutti gli attori della domanda pubblica che adottando politiche di acquisti verdi riducono gli impatti sull’ambiente delle proprie attività e hanno uno strumento per orientare la loro spesa in maniera coerente con le esigenze di cambiamento sociale ed economico del nostro tempo e con il loro ruolo istituzionale.

Per Università ed enti di ricerca il GPP, l’analisi del ciclo di vita dei beni e servizi, l’introduzione di materiali e processi produttivi innovativi costituiscono nuovi ambiti di ricerca e formazione; nelle scuole le azioni di acquisto verde si traducono in educazione ambientale “sul campo”; per il mondo sanitario si tratta di mettere in atto strategie e azioni di prevenzione che riducono i rischi per la salute umana derivanti dall’inquinamento e dall’immissione di scarti e sostanze pericolose nell’ambiente; le aree protette possono migliorare la coerenza della loro immagine e di tutte le loro attività; le camere di commercio come punto di snodo del dialogo con le imprese giocano un ruolo fondamentale nel mostrare ai fornitori di beni e servizi che la domanda pubblica verde non è un buon proposito, bensì un orientamento concreto del mercato.

Per iscriversi, è sufficiente compilare il modulo 26 marzo Sassari che troverete sul sito http://www.regione.sardegna.it/sardegnacompraverde/, insieme a tutte le informazioni relative alla campagna La Sardegna Compra Verde e alle iniziative regionali sul tema.

 

[ Back to the top ]