[ Skip menus and services and go directly to content ]

[ Skip at Orizzontal menù ]

On this page are available the following services:
Orizzontal menù [1];
Language [2];
Search engine [3];
Menu navigation[4];
Contents;

[ Back to the top ]

[ Skip at the Language ]

[ Back to the top ]

[ Skip at the Search engine ]

[ Back to the top ]

Read the News

SCUOLE, L’IMPEGNO DELLA PRONVINCIA A CACCIA DI BANDI PER UNA SERIE DI PROGETTI DA 3MILIONI (Thursday, September 26, 2013)

Assessore Ledda «Quattro progetti immediatamente cantierabili, per garantire l’adeguamento degli edifici scolastici e immettere risorse nuove sul territorio, ridando fiato a un comparto importante come quello dell’edilizia». Per l’assessore provinciale del Patrimonio e dell’Edilizia scolastica, Gaetano Ledda, è l’obiettivo che l’ente di piazza d’Italia persegue attraverso la partecipazione al bando proposto dal “Decreto del fare”, al quale ha risposto presentando alla Regione quattro progetti già pronti per essere accantierati. Il primo progetto da 1milione e mezzo di euro riguarda la ricostruzione di 15 aule all’Itas di Sassari, in via Solari, che erano state demolite per via della presenza di amianto. Altri 500mila euro serviranno per i lavori di rifacimento della copertura del liceo Marconi di Sassari, e altrettanti ne serviranno per la manutenzione del liceo Azuni. L’ultimo progetto da 150mila euro riguarda il restyling del liceo di Castelsardo.
«Stiamo battendo ogni strada percorribile per trovare fondi e far fronte alla crisi che da anni attanaglia il territorio», spiega invece il presidente della Provincia di Sassari, Alessandra Giudici, ricordando che «questa decisione segue solo di qualche mese quella di partecipare al bando proposto dal Ministero della Pubblica istruzione per l’adeguamento e la costruzione degli impianti sportivi scolastici, anche aperti all’utenza esterna». In quell’occasione la richiesta avanzata a Roma era stata di quasi 1milione e mezzo di euro per risistemare otto impianti sportivi annessi ad altrettanti istituti scolastici superiori del Nord Ovest Sardegna.
La Provincia di Sassari, dopo aver assicurato l’abbattimento delle barriere architettoniche in tutti gli edifici,continua a lavorare per dotare tutti gli istituti scolastici delle certificazioni antincendio e di sicurezza. «Nel corso di quest’anno saranno complessivamente dieci i certificati di prevenzione incendi che verranno rilasciati», racconta ancora Ledda. Si tratta dell’istituto tecnico e del liceo classico di Ozieri, del liceo e dell’istituto agrario di Bono, del liceo di Castelsardo, degli istituti di Perfugas e di Valledoria, dell’istituto per le attività asociali di piazza Marconi e via Porcellana a Sassari, dell’istituto Roth di Alghero e dell’istituto nautico di Porto Torres. Intanto sono in corso i lavori che consentiranno di certificare nel 2014 anche l’istituto alberghiero, l’istituto commerciale, l’istituto agrario e gli istituti professionali di Sassari, l’istituto industriale di Alghero e il liceo di Porto Torres.
Proseguono i lavori di adeguamento alle norme di sicurezza o di manutenzione in vari istituti, dalle Magistrali al Meridda, dall’istitutoalberghiero alle Commerciali aSassari, dall’istituto nautico al liceo scientifico di Porto Torres, dall’istituto alberghiero all’istituto industriale e al Roth ad Alghero. E sempre in tema di sicurezza, la Provincia di Sassari sta partecipando al bando della Regione Sardegna per la riqualificazione degli edifici scolastici, con sei progetti da 200mila euro ciascuno, cofinanziati dall’ente. Le opere prevendono lavori di adeguamento alle norme di sicurezza o di manutenzione negli istituti per le attività sociali, industriali, geometri e liceo Marconi di Sassari, l’Ipiadi Porto Torres e il liceo scientifico di Alghero.
Nel frattempo la Provincia di Sassari ha reperito i finanziamenti per la realizzazione di impianti fotovoltaiciin dieci istituti tra Sassari, Porto Torres, Bono e Ozieri. «Questo ci consentirà di ottenere economie sulle utenze elettriche – assicura l’assessore provinciale – etramite l’incentivo ricevuto potremo realizzare opere di manutenzione per ulteriori circa 100mila euro all’anno».
 

[ Back to the top ]