[ Skip menus and services and go directly to content ]

[ Skip at Orizzontal menù ]

On this page are available the following services:
Orizzontal menù [1];
Language [2];
Search engine [3];
Menu navigation[4];
Contents;

[ Back to the top ]

[ Skip at the Language ]

[ Back to the top ]

[ Skip at the Search engine ]

[ Back to the top ]

Read the News

Bonifiche, positivo l’incontro con Syndial. Giudici: «il ministero non rallenti il percorso (Thursday, January 23, 2014)

Sy_pt

 

«Il Ministero dell’Ambiente non condizioni l’iter dei progetti di bonifica già valutati positivamente ed emani quanto prima il decreto che sblocca la loro realizzazione». Lo chiede il presidente della Provincia di Sassari, Alessandra Giudici, secondo la quale «l’atteggiamento del governo è la principale incognita che incombe sul rispetto del cronoprogramma stabilito per le bonifiche nell’area industriale di Porto Torres». A rafforzare il convincimento del presidente della Provincia è stato il positivo incontro che lei e l’assessore provinciale dell’Ambiente, Paolo Denegri, hanno avuto questa mattina con l’amministratore delegato di Syndial, Giovanni Milani. Oggetto del faccia a faccia, le bonifiche nell’ex polo petrolchimico.

Ricevute le dovute rassicurazioni sulle opere più importanti, che riguardano la variante al Taf, per cui c’è già il decreto autorizzativo ministeriale, e l’appalto di Minciaredda, che dovrebbe essere aggiudicato entro marzo, i due amministratori locali hanno concentrato le loro richieste sulle due principali criticità. «Siamo soddisfatti della situazione generale, e per questo chiediamo che non siano le autorizzazioni ministeriali a rallentare il percorso degli altri progetti di bonifica in ballo», ribadisce anche Paolo Denegri.

L’altra questione particolarmente cara al Nord Ovest Sardegna riguarda il percorso da compiere per la restituzione delle aree già bonificate, per procedere alla reindustrializzazione del sito di Porto Torres. «Si sta valutando la possibilità di seguire la stessa strada già intrapresa a Marghera – spiega ancora Denegri – dove i terreni sono stati periziati e ceduti a una newco mista tra pubblico e privato che si occuperà di favorire nuovi insediamenti industriali». Ma su questo argomento, precisa Alessandra Giudici, «sarà opportuno convocare a breve un tavolo di confronto con tutti i soggetti territoriali che hanno voce in capitolo».

[ Back to the top ]