[ Skip menus and services and go directly to content ]

[ Skip at Orizzontal menù ]

On this page are available the following services:
Orizzontal menù [1];
Language [2];
Search engine [3];
Menu navigation[4];
Contents;

[ Back to the top ]

[ Skip at the Language ]

[ Back to the top ]

[ Skip at the Search engine ]

[ Back to the top ]

Ricerca acque uso domestico

Acque - Uso domestico acque sotterranee

Argument:

  • Ambiente |

Cos'è

L’estrazione di acqua sotterranea da parte del proprietario di un fondo, ovvero da parte dell’ affittuario o dell’usufruttuario dietro consenso espresso del proprietario puo' essere effettuata mediante l'escavazione di un pozzo ad uso domestico (ovvero l'utilizzo dell'acqua non deve essere connessa ad un'attività economico/remunerativa).

I lavori devono iniziare entro un'anno dal giorno in cui si riceve l'autorizzazione e occorre darne comunicazione alla provincia al momento di inizio e alla conclusione.

Alla domanda dovranno essere allegate:

1)      1 marca da bollo di € 16,00 per il provvedimento di autorizzazione;

2)      n. 3 copie della planimetria catastale in scala pari a quella della canapina originale, con l’ubicazione del punto interessato dall’intervento (sottoscritte da un tecnico abilitato);

3)      n. 3 copie della corografia in scala 1:25.000 con l’ubicazione del punto interessato dall’intervento (sottoscritte da un tecnico abilitato);

4)      n. 3 copie della Carta Tecnica Regionale in scala 1:10000 con l’ubicazione del punto interessato dall’intervento (sottoscritte da un tecnico abilitato);

5)      n. 3 copie della planimetria generale del terreno in scala 1:100/200 riportante:

- il posizionamento del punto di ricerca;

- l'ubicazione del fabbricato e dell'eventuale punto di scarico;

- le distanze del punto di ricerca dai confini, da eventuali strade e punti di scarico;

6)      per perforazioni maggiori di 30 metri dal piano di campagna è richiesta la direzione dei lavori da parte di un professionista laureato abilitato che si impegni a verificare che la perforazione venga eseguita a regola d’arte mettendo in pratica tutti gli accorgimenti necessari ad evitare l’interconnessione tra gli acquiferi e ogni possibile infiltrazione in falda da parte delle acque superficiali;

7)      n. 3 copie del particolare costruttivo delle opere da realizzare;

8)      n. 3 copie del piano di massima (art. 95 T.U. R.D. 1775/1933) redatto da un tecnico abilitato, corredato della tabella riassuntiva dei dati preventivi della ricerca idrica, debitamente compilata;

9)      n. 3 copie di relazione geologica ed idrogeologica redatta da un tecnico abilitato solo per le domande di ricerca ricadenti nei Comuni di cui alla Direttiva dell’Assessorato dei Lavori Pubblici n.15391/15 A.P. del 13.07.1989 o nelle zone ricadenti in area P.A.I. di cui al punto successivo;

10)  dichiarazione di non insistenza del punto di trivellazione in zona di rischio idrogeologico (P.A.I.) o in eventuali altre aree protette e/o sottoposte a vincolo;

11)  n. 3 copie dello studio di compatibilità idraulica e/o geologica-geotecnica (esclusivamente per i pozzi da realizzare in aree a pericolosità idrogeologica delimitate dal Piano per l'Assetto Idrogeologico);

12)  copia su cd-rom o altro supporto elettronico dei seguenti elaborati:

- documentazione integrale presentata;

- documentazione fotografica;

- shape-file relativo alla ubicazione georeferenziata del punto di ricerca.

13)  dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà relativamente alla proprietà del fondo con copia del documento di riconoscimento in corso di validità o scrittura privata autenticata tra il proprietario del fondo ed il titolare della ricerca dichiarante che nulla osta alle operazioni di ricerca;

14)  dichiarazione di autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs 196/2003 e ss.mm.ii.;

15)  attestazione del versamento per spese di istruttoria e sopralluoghi di euro 80,00 sul c/c n. 10695070 causale: “Spese di istruttoria gestione risorse idriche”, intestato alla Provincia di Sassari – Settore VIII, Piazza d’Italia 31 – 07100 Sassari;

16)  copia del documento di identità del richiedente in corso di validità.

Tutti gli elaborati progettuali di cui al comma precedente devono essere firmati da un tecnico in possesso dell’abilitazione all’esercizio della professione, adeguata in relazione alla tipologia delle opere da realizzare

Riferimenti normativi

  • T.U. 11/12/1933 n. 1775 art. 93.

 

$i18n.getLabel("RIVOLTO_A"):

  • Cittadino |

[ Back to the top ]