[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Classificazione Aziende Ricettive

Classificazione delle Aziende Ricettive Alberghiere, all'Aria Aperta ed Extra Alberghiere

Argomento:

  • Turismo |
Turismo

PROCEDIMENTO
L'attribuzione alle aziende ricettive di un livello di classificazione è obbligatoria per ottenere il rilascio della licenza di esercizio.

Le aziende ricettive possono essere alberghiere o all'aria aperta e sono classificate dai Comuni territorialmente competenti, previa acquisizione del parere obbligatorio emesso dall'Amministrazione Provinciale competente, come previsto dalla L.R. n. 35/1986. I diversi livelli di classificazione sono contrassegnati con un numero di stelle variabile da uno a cinque in relazione al tipo di appartenenza e ai requisiti posseduti, valutati secondo quanto previsto nelle tabelle allegate alla legge regionale 14 maggio 1984, n. 22.

Le strutture ricettive alberghiere si distinguono in alberghi e alberghi residenziali; quelle all'aria aperta in villaggi turistici e campeggi.

Una volta ricevuta la richiesta di classificazione o di revisione, il Comune svolge gli opportuni accertamenti relativi alla denuncia dei requisiti. Entro 60 giorni dal ricevimento della richiesta, una volta ottenuto il parere della Provincia competente per territorio, normalmente espresso a seguito di apposito sopralluogo, il Comune emana il provvedimento formale di classificazione o di non classificazione.

In caso di inerzia dell'Amministrazione Comunale, l'Assessore Regionale del Turismo invita l'Ente ad adempiere entro un congruo termine e, solo qualora il Comune non si attivi, esercita, entro 60 giorni, il potere sostitutivo, adottando il provvedimento.

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE PER LA PRIMA CLASSIFICAZIONE
Per ottenere la classificazione della struttura ricettiva, il titolare dell'azienda o un suo rappresentante deve presentare allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune territorialmente competente, la seguente documentazione:

Per tutte le strutture ricettive:

Dichiarazione Unica Autocertificativa (DUAAP) corredata da tutti i modelli previsti dalla normativa SUAP;

Planimetrie dell'unità immobiliare in scala uno a cento, quotate e con indicazione della specifica utilizzazione e della superficie netta delle camere o delle piazzole nonché dei locali di servizio, unitamente ai seguenti moduli previsti dalla normativa regionale, diversi per le varie tipologie:

- Strutture ricettive alberghiere (Alberghi/Alberghi Resid./Alberghi diffusi/Alberghi di Turismo Rurale): Allegato F-29;
- Strutture ricettive all'aria aperta (Campeggi/Villaggi Turistici): Allegato F-30;
- Strutture ricettive extra alberghiere (Case per ferie/Ostelli/Affittacamere/Residence/C.A.V.): Allegato F-31

MODULISTICA: http://servizi.sardegnasuap.it/cittadino/informazioniCittMA.htm?method=modulistica

Per le singole dipendenze degli esercizi alberghieri devono essere presentate denunce separate.

RINNOVO DELLA CLASSIFICAZIONE QUINQUENNALE E REVISIONE DELLA CLASSIFICAZIONE:
La classificazione delle strutture ricettive sopra elencate ha validità quinquennale, sulla base di quinquenni prestabiliti (quello in corso è il 2015-2019). Le operazioni di rinnovo quinquennale della classifica devono essere espletate, previa presentazione della modulistica di cui sopra, nel semestre precedente la scadenza del quinquennio di validità della classificazione.
Qualora nel quinquennio di validità della classificazione si verifichino modifiche sostanziali nella consistenza ricettiva, nei servizi erogati o nei requisiti posseduti, il titolare dell'azienda o il suo rappresentante dovrà presentare un'altra denuncia al fine di ottenere una nuova classificazione, la quale sarà valida fino al compimento del quinquennio stesso.
Per ottenere la classificazione provvisoria di un nuovo esercizio, l'imprenditore dovrà presentare al Comune una dichiarazione sulla qualità delle prestazioni per il funzionamento dell'esercizio, accompagnata dal progetto tecnico e dagli elementi presentati per ottenere la concessione edilizia.

Le strutture ricettive extra alberghiere non sono tenute al rinnovo della classificazione quinquennale a condizioni invariate rispetto a quelle già possedute. Sono, invece, tenuti al rinnovo gli alberghi di turismo rurale.

NOMATIVA DI RIFERIMENTO
Legge Regionale n. 22 del 14/05/1984 - Norme per la classificazione delle aziende ricettive.
Legge Regionale n. 27 del 12/08/1998 - Disciplina delle strutture ricettive extra alberghiere, integrazione e modifiche alla Legge Regionale 14 maggio 1984, n. 22, concernente:''Norme per la classificazione delle aziende ricettive'' e abrogazione della Legge Regionale 22 aprile 1987, n. 21.
Legge Regionale n. 35 del 20/06/1986 - Norme in materia di vigilanza regionale sulle attività turistiche in Sardegna a modifica e integrazione della L.R. 14 maggio 1984, n. 22.
Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 21 ottobre 2008 - Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera.
Legge regionale n. 3 del 07/08/2009, art. 2, comma 24 e art. 5, comma 6 - Disposizioni urgenti nei settori economico e sociale.
Nota assessoriale n. prot. 482 del 18/01/2010 - L.R. 7 agosto 2009 n. 3, art. 2 comma 24 di recepimento del decreto 21 ottobre 2008 della Presidenza del Consiglio dei ministri “Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera”.

 

CONTATTI SERVIZIO TURISMO

Gerolamo Spano
Telefono: 079/2069.832
E-mail: g.spano@provincia.sassari.it

Gesuina Mele
Telefono: 079/2069.826
E-mail: g.mele@provincia.sassari.it
 

 

 

[ Torna all'inizio della pagina ]