[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Danni produzioni agricole

Istanza indennizzo danni alle produzioni agricole

Argomento:

  • Agricoltura |

Cos'è

Si tratta di un indennizzo per danni causati alla produzione agricola da tutta la fauna selvatica, tanto che essa
appartenga a specie protette che a specie cacciabili consistenti in:

Colture erbacee:

 • Prati-pascoli, prati e pascoli;

 • Colture foraggiere, cerealicole, industriali;

 • Colture orticole;

 Colture arboree:

 • Frutteti, oliveti, vigneti;

 • Rimboschimenti sino a tre anni dall'impianto,

 Colture florovivaistiche.

Chi ha diritto

L'indennizzo del danno arrecato dalla fauna selvatica alle opere, alle colture agricole e forestali e alle produzioni zootecniche è riservato a coloro che siano in possesso dei seguenti requisiti:
a. Essere titolari di partita IVA nel settore agricolo;
b. Essere regolarmente iscritti presso il registro delle imprese agricole della C.C.I.A.A,;
c. Proprietari/conduttori dell'azienda..

A chi richiedere l'indennizzo

I danni devono essere segnalati all'Amministrazione Provinciale.

Come ottenere l'indennizzo

Coloro che subiscono danni a colture, alle opere agricole e alle produzioni zootecniche sono tenuti a segnalarli all'Amministrazione Provinciale, mediante raccomandata A / R o consegna a mano presso l'ufficio protocollo dell'Amministrazione Provinciale di Sassari - P.zza D'Italia n. 31 - 07100 SASSARI, entro 7 (sette) giorni lavorativi dal verificarsi del danno. In tal caso farà fede la data del timbro postale o se consegnata a mano la data di protocollo della Provincia di Sassari. La restante documentazione dovrà essere integrata al momento dell'accertamento o entro i 20 giorni successivi dalla presentazione della domanda. In difetto I' Amministrazione si riserva di chiedere integrazioni e/o chiarimenti degli atti.

Riferimenti normativi

Consultare la legge regionale n. 23 del 28 luglio 1998, in particolare l'articolo 59.

[ Torna all'inizio della pagina ]