[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

ED Agricoltura

Agricoltura Sviluppo rurale

L’origine della politica agricola comune (PAC) risale agli inizi dell’integrazione europea, quando gli Stati membri hanno intrapreso un’opera di ristrutturazione e sviluppo della propria produzione alimentare, danneggiata dalla Seconda guerra mondiale. Oggi la PAC continua a svolgere un ruolo centrale nell’Unione europea, non solo perché oltre il 90% dei territori dell’Unione è coperto da terreni agricoli o da foreste, ma soprattutto perché la PAC è divenuta uno strumento fondamentale per rispondere a nuove sfide in termini di qualità dell’alimentazione, rispetto dell’ambiente e scambi commerciali. La riforma del 2003 ha costituito un momento chiave dell’evoluzione della PAC, adattando quest’ultima alle nuove esigenze degli agricoltori, dei consumatori e del pianeta.
I due grandi assi della politica agricola comune (PAC) consistono nel sostenere la competitività degli agricoltori europei e nell’incoraggiare lo sviluppo delle zone rurali, in particolare quelle svantaggiate. In quest’ambito, le modalità di finanziamento degli agricoltori si sono evolute, concentrandosi sempre più sul rispetto dell’ambiente e sulla qualità dei prodotti piuttosto che sul loro volume. L’Unione europea ha inoltre intensificato il proprio impegno nei confronti dello sviluppo rurale grazie ad uno strumento unico di finanziamento che valorizza l’agricoltura e la silvicoltura nonché tutte le attività dell’ambiente rurale.

Bandi Europei

Dall'Europa

[ Torna all'inizio della pagina ]