[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

ED Giustizia

Giustizia La realizzazione dello spazio di giustizia, libertà e sicurezza mira ad assicurare la libera circolazione delle persone e ad offrire un livello elevato di protezione ai cittadini. Tale spazio ingloba settori politici che vanno dalla gestione delle frontiere esterne dell'Unione alla cooperazione giudiziaria in materia civile e alla cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale passando per l'asilo, l'immigrazione e la lotta contro la criminalità (lotta contro il terrorismo, la criminalità organizzata, la tratta degli esseri umani, la droga, ecc.).
La realizzazione dello spazio di giustizia, libertà e sicurezza si basa sui programmi di Tampere (1999-2004) e dell'Aia (2004-2009). Si fonda sul trattato che istituisce la Comunità europea (titolo IV), che copre tutti i settori tranne la cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale, disciplinata dal trattato sull'Unione europea (titolo VI). Così, dal trattato di Amsterdam lo spazio di giustizia, libertà e sicurezza ricade sia nel regime comunitario (primo pilastro) che in quello intergovernativo (terzo pilastro), mentre dopo la sua introduzione in occasione del trattato di Maastricht rientrava in tutti i suoi aspetti in un quadro intergovernativo.

[ Torna all'inizio della pagina ]