[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Leggi la Notizia

Dimensionamento scolastico, la conferenza approva il Piano provinciale. (venerdì 22 febbraio 2013)

Argomento:

  • Istruzione |

scuola «Il risultato conseguito è frutto del lavoro svolto con le altre istituzioni del territorio e consentirà al sistema scolastico territoriale di affrontare una fase di transizione senza essere coinvolto dai mutamenti dello scenario regionale e nazionale». L’assessore provinciale dell’Istruzione, Rosario Musmeci, commenta così l’approvazione pressoché unanime da parte dei sindaci del Nord Ovest Sardegna del Piano provinciale per il dimensionamento scolastico. Ieri, nella sala Angioy del palazzo della Provincia, la proposta avanzata dal settore Istruzione dell’amministrazione provinciale è stata approvata con il favore di 36 sindaci su 37 presenti. «Il percorso compiuto va a tutto beneficio dell’offerta formativa nel nostro territorio – prosegue Rosario Musmeci – abbiamo ridefinito la geografia dell’offerta scolastica nella Provincia di Sassari secondo le necessità culturali, economiche e sociali della nostra comunità».

Alla conferenza presieduta dall’assessore Musmeci hanno partecipato 37 Comuni, le organizzazioni sindacali della scuola, i rappresentanti dell’Ufficio scolastico provinciale e i dirigenti scolastici delle autonomie scolastiche della Provincia. Il piano, come detto, è stato approvato a larghissima maggioranza: un solo voto contrario sugli interventi previsti per il I ciclo e un astenuto per quelli del II ciclo. «In assenza di una riorganizzazione della normativa nazionale e di adeguate linee guida regionali, abbiamo operato in continuità con il piano dello scorso anno – spiega l’assessore provinciale – limitando gli interventi e mantenendo invariato l’assetto già definito con la pianificazione precedente».

[ Torna all'inizio della pagina ]